I PENSIERI DEL MAO

241)

242) Io batto (Anonima dattilografa Olevanese)

243) Io batto (Anonima prostituta Olevanese)

244) Bidon, bidon, bidon! (Anonimo Olevanese)

245)

246)

247) Tra le foibe e i campi di sterminio c' una grande differenza! (Da "Cazzate e fregnate" di un Anonimo Olevanese)

248) La fortuna cieca,
ma la sfiga ci vede benissimo (Anonimo Olevanese)

249)

250)

251) Una volta spenta la luce,
le donne sono tutte uguali (Da "Donne e motori" di un Anonimo Olevanese)

252) Ciccione: portatore di adipe (Da "Cazzate e fregnate" di un Anonimo Olevanese)

253)

254) Non basta morire per un'idea per sostenere che questa sia giusta (Anonimo Olevanese)

255) Tripartito al potere:
si rivolta la gabbana (Anonimo Italiano)




Piccolo Anonimo Olevanese piange sui mali del mondo


Torna a I Pensieri del MAO 1- pag. 16 oppure vai a I Pensieri del MAO 1- pag. 18